[adrotate banner="15"]

APCI a TUTTOFOOD – leggi il Comunicato stampa e sfoglia la Gallery

Sostenibilità professionale, ambientale e sociale

Chiude i battenti l’edizione 2023 di TUTTOFOOD, aprendo le porte sui tanti progetti che hanno visto protagonista APCI – Associazione Professionale Cuochi Italiani, impegnata in attività convegnistiche e nel lancio di nuove iniziative. Al centro la sostenibilità per il settore HoReCa, intesa come partecipazione a progetti per la salvaguardia dell’ambiente, ma anche come sostenibilità economica nelle cucine e sociale, in tutela delle professioni del settore.

Insieme ad APCI i principali protagonisti del mondo della scuola, del lavoro, delle aziende alimentari e della ristorazione.

Milano, 15 maggio 2023Sostenibilità al centro. E’ stato questo il filo conduttore tra tutte le iniziative presentate da APCI – Associazione Professionale Cuochi Italiani all’edizione 2023 di TUTTOFOOD, nella visione di un progetto dedicato al settore HoReCa, alla ricerca di strumenti e iniziative che possano aiutare concretamente gli operatori del settore. Sostenibilità, quindi, ambientale, economica e anche sociale.

“Il ruolo di un’Associazione – commenta il Direttore Generale Sonia Re – è quello di creare percorsi per gli associati che siano di supporto concreto alle loro attività, permettendo anche una crescita professionale. In questa edizione di TUTTOFOOD abbiamo voluto presentare i tanti progetti ai quali stiamo lavorando, insieme a partner qualificati”.

Si è parlato quindi di sostenibilità ambientale con il lancio del progetto Amicambiente, che vede APCI collaborare con Adriatica Oli su un tema importante come quello del recupero degli oli esausti nelle cucine dei ristoranti. Un percorso virtuoso, portato avanti anche con la collaborazione di Confcommercio, Epam e Forestami, che pone il cuoco e il ristoratore al centro, facendolo diventare ambasciatore presso la propria clientela e protagonista di un percorso di piantumazione (vedi comunicato stampa dedicato). Partner del progetto anche Horeca Group, realtà  che  offre soluzioni concrete per i ristoranti impegnati a migliorare il proprio impatto ambientale.

Al progetto Amicambiente ha aderito anche Olitalia, storica azienda produttrice di oli e aceti, che da tempo sta lavorando sul tema sostenibilità con diversi progetti, impegnata sul fronte dello smaltimento dell’olio. Amicambiente rappresenta per Olitalia un primo progetto, attualmente indirizzato al mondo HoReCa, che ha l’obiettivo di avere presto anche un risvolto consumer, per la condivisione del proprio know-how su una pratica tanto semplice quanto fondamentale per contribuire positivamente alla salvaguardia dell’ambiente.

La sostenibilità è al centro anche del progetto che vede la formazione di chef Europei grazie al progetto Life Climate Smart Chef, promosso dalla scuola di cucina Alma, presentato in Tuttofood nella lounge APCI.

Di sostenibilità economica e sociale APCI ha parlato durante il Convegno organizzato con Manpower sul tema “Il Ristorante dell’Hotel: la nuova frontiera del Fuoricasa”, che ha esplorato i nuovi format per le proposte al cliente e anche nuove formule di impiego per chi accede alle tante professioni possibili.

E’ stato analizzato il critico tema della relazione tra domanda e offerta nel mercato del lavoro, evidenziando come sia necessario trovare nuove formule nei rapporti professionali, che tengano conto della richiesta di un maggiore equilibrio tra vita privata e vita professionale. In un settore potenzialmente in testa alle possibilità di impiego, è necessario lavorare, tutti insieme, sulle diverse opportunità di sviluppo, soprattutto sapendo valorizzare le tipicità territoriali e rendendo i ristoranti luoghi piacevoli, accoglienti, con un servizio di qualità. (vedi comunicato stampa dedicato).

Non dimentichiamo, infine, che la sostenibilità passa proprio dal rispetto del territorio e dalla tutela delle eccellenze gastronomiche del nostro Paese. La presenza di APCI con i propri chef impegnati insieme ad alcune tra le più importanti aziende del settore alimentare, ha puntato sulla lavorazione di materie prime di qualità, privilegiando ricette semplici, ma gustose e legate alla tradizione italiana.

APCI con gli chef Giancarlo Morelli, Solaika Marrocco, Nikita Sergeev e Alberto Laterza – APCI Chef Lab – nello stand de La Molisana, che ha visto la presenza del campione olimpico Marcell Jacobs, ha proposto interpretazioni gustose della pasta, che tenessero anche conto di un equilibrio nutrizionale e calorico ideale per gli sportivi e non solo.

Nello spazio di Mulino Caputo lo chef Andrea Aprea ha valorizzato la farina, elemento base della nostra cucina, attraverso interpretazioni gastronomiche semplici, ma molto attente al rispetto della materia prima e del territorio, accompagnato da grandi pizzaioli quali Davide Civitiello e Gino Sorbillo. Insieme hanno esplorato il tema  del connubio Ristorante Pizzeria e degli scenari culinari collegati. 

In Appennino Food hanno invece proposto le proprie ricette gli chef Bobo Cerea, Franco Pepe e Dario Cecchini insieme all’immancabile proposta del Ristorante Pipero Roma affiancati dallo chef Fabio Lusetti – APCI Chef Lab.

Nel segno della sostenibilità anche la collaborazione con Nespresso, partner di APCI, presente in fiera e al lancio del progetto Amicambiente. L’azienda, da tempo impegnata sui temi della sostenibilità ha raccontato l’iniziativa “Da Chicco a Chicco”, progetto di economia circolare di Nespresso che permette di trasformare un chicco di caffè in un chicco di riso, ridando una seconda vita alle capsule di caffè esauste. I clienti, infatti, possono riconsegnare le loro capsule usate in alluminio nell’apposita area recycling presente all’interno delle Boutique Nespresso o nelle isole ecologiche partner in tutta Italia avviando un processo di riciclo che permette di separare i residui di caffè e l’alluminio, avviando i materiali a due differenti processi di recupero. L’alluminio viene destinato alle fonderie per essere trasformato in nuovi oggetti, il caffè esausto, invece, viene trasformato in compost per la coltivazione del riso, riacquistato poi da Nespresso e donato a Banco Alimentare della Lombardia e a Banco Alimentare del Lazio.

Da Chicco a Chicco rientra in “Nespresso per l’Italia” un programma di azioni concrete sul territorio accomunate dall’obiettivo di rendere ogni tazzina di caffè Nespresso sostenibile per l’ambiente, per la cultura e per le persone.  Prosegue quindi con sempre maggiore impegno il progetto di APCI, insieme a tanti partner istituzionali e aziendali, di essere punto di riferimento per il settore, e per i propri cuochi, nella realizzazione fattiva di attività e progetti realmente e concretamente volti a migliorare l’impatto della cucina sul pianeta e la valorizzazione del lavoro del cuoco.

Potrebbe interessarti...
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio